Bufale sul web. Tutta la verità sui costi di What’s up. Da leggere

Gli utenti di What’s up, l’applicazione di messaggistica per smartphone, da mesi sono ossessionati e tempestati da un messaggio che intima di inviare ad almeno 10 utenti lo stesso avviso per risultare in questo modo “utilizzatore frequente” ed evitare che il servizio diventi a pagamento.

In questi giorni vi è stata un’ulteriore ondata di avvisi di questo genere che riportano inoltre una quanto dubbia comunicazione di What’s up malamente tradotta dall’inglese.

Di bufala si tratta, o di catena di Sant’Antonio, o di viral marketing, chiamatela come più vi piace.

What’s up ha anche scritto un comunicato sul sito ufficiale dove finalmente si fa chiarezza sui reali costi della famosissima applicazione di messaggistica istantanea.

Per chi utilizza già l’applicazione non vi è nessun costo fino alla sua scadenza (un anno) dopodiché per il rinnovo si pagheranno 0,79 centesimi all’anno.

Per chi non ha ancora scaricato l’applicazione ci sono due opzioni:

1) per gli utilizzatori di Iphone scaricare l’applicazione di What’s up ha un costo di 0,79 cent.

2) per gli utilizzatori di Android, Blackberry Windows Phone e Nokia l’applicazione è gratuita per un anno, dopodiché il rinnovo costerà 0,79 cent.

Per controllare la scadenza e lo stato del vostro account basta andare nelle impostazioni e alla voce “informazioni account” troverete la data di scadenza dell’applicazione e le informazioni per il pagamento.

 

 

Taggato con: , , ,
Pubblicato in Varie