Il Galateo del Matrimonio: consigli per le nozze.

 

aiabu

 

 

 

 tratto da www.simonalucentini.it

 

Galateo Abito da Sposa

Per il galateo, la sposa può indossare il vestito lungo solo se sposo, parenti, fratelli e testimoni decidono di indossare il tight. In tal caso sono ammessi l’abito con lo strascico e il velo.

 

Galateo Abito da Sposo

Fino a qualche tempo fa lo sposo non poteva permettersi molti strappi alla regola in fatto di abbigliamento, anche se il bon ton gli concedeva alcune alternative. A un matrimonio solenne non si ammettevano eccezioni: tight di giorno e marsina alla sera.

 

Galateo Anelli nuziali, le fedi

La tradizione le vuole lisce e sottili in oro giallo, ma se il portafoglio, lo consente nulla vieta una fede in platino o con brillanti, purché all’interno vi siano incisi i nomi degli sposi e la data delle nozze. Unico vincolo: l’anello va assolutamente portato all’anulare sinistro perché fin dall’antichità si pensava che questo dito fosse collegato direttamente al cuore. Nei paesi del Nord Europa la fede nuziale si porta sulla mano destra. Infatti l’uso di questo cerchietto d’oro che sancisce il legame matrimoniale affonda le sue radici nella storia. Di origine germanica e poi passato nelle consuetudini romane, è solo nel tardo Medioevo che viene ufficialmente adottato nelle cerimonie di nozze. Il rituale delle fedi, che devono essere acquistate dallo sposo, non varia tra matrimonio civile e religioso: nel momento ”clou” della cerimonia gli sposi si scambiano gli anelli pronunciando la promessa d’amore.

 

Galateo Lista nozze

La lista nozze, un tempo, non era prevista dal galateo. La sua origine è statunitense ed in Europa era considerata come una cosa volgare. Ai giorni d’oggi, invece, l’usanza della lista nozze si è diffusa ed è stata accettata da tutti. Il suo scopo principale è quello di evitare doppioni inutili nei regali.

Galateo Ringraziamenti

A proposito di regali, quando si ricevono i primi doni, è bene registrarne subito le caratteristiche vicino al nome del donatore sulla lista degli invitati, in modo da poter esprimere, nel biglietto di ringraziamento, la gioia di aver ricevuto proprio quel regalo. Questa menzione sicuramente farà piacere a chi si è dato la pena di sceglierlo e di farlo. I ringraziamenti vanno inviati possibilmente entro due mesi dalla cerimonia, al ritorno dal viaggio di nozze. Conviene anche segnare quelli già fatti, in modo da non confondersi dopo tanto tempo. L’invio delle bomboniere non esclude il ringraziamento di proprio pugno.

 

Galateo Bomboniere

Alla sposa il compito creativo di sceglierle e ordinarle, ai genitori o alla migliore amica quello di inviarle dopo che gli sposi sono partiti per il viaggio di nozze. Le regole del galateo in fatto di bomboniere sono severe, se si decide di rispettarle: vanno recapitate una ventina di giorni dopo il matrimonio in segno di ringraziamento. Vengono spesso personalizzate con il monogramma degli sposi e sono sempre accompagnate dal bigliettino che riporta i loro nomi e la data delle nozze. Oggi, per praticità, molti sposi le consegnano agli amici durante il ricevimento.

 

Galateo Cerimonia e Corteo

Semplice o solenne, davanti al sindaco o al prete, la cerimonia impone rituali che sanciscono e rendono pubblico il passaggio della coppia da uno stato ad un altro. Ma, indipendentemente dalle scelte degli sposi sul tipo di cerimonia, alcune regole vanno rigorosamente rispettate.

La sposa entrerà in chiesa al braccio del padre o, in mancanza di lui, del parente più stretto. Al suo ingresso tutti saranno già ai loro posti: nella parte sinistra della chiesa la famiglia della sposa, nella parte destra quella di lui.

Lo sposo sarà già all’altare, insieme ai testimoni, che dovranno sistemarsi a lato degli sposi, a sinistra quelli di lei e a destra quelli di lui. Alla fine della cerimonia lo sposo darà la destra alla sposa e dietro di loro si formerà il cosiddetto corteo: la madre dello sposo alla destra del padre della sposa, la madre della sposa al braccio del padre dello sposo, seguiti dall’allegra scia di fratelli, zii, cognati e amici in festa.

 

Galateo I Ruoli

Gli sposi

-Ricevono gli ospiti;

-Intrattengono gli ospiti durante i tempi morti del ricevimento;

-Lo sposo può ringraziare tutti gli invitati con un discorso a inizio o fine pasto;

-Anche la sposa può fare un discorso di ringraziamento, dopo lo sposo;

-La consegna di bomboniere e confetti è affidata alla sposa;

-La tradizione impone che siano gli sposi ad aprire le danze, con ballo lento sulla pista da soli;

-Se gli sposi a fine ricevimento vanno via in auto, è tradizione attaccare al paraurti posteriore lattine, palloncini ed altri oggetti rumorosi. Questa usanza deriva dalla tradizione di attaccare le scarpe della sposa alla macchina, per simboleggiare il passaggio di proprietà della donna dal padre al marito.

 

Il padre della sposa

-Se si vuole seguire il galateo, è il primo a fare il discorso e proporre un brindisi agli sposi;

-Gli spetta un ballo con la figlia al terzo giro di danza. La madre della sposa

-Nel caso in cui gli sposi ritardino a causa del servizio fotografico, è la madre della sposa che riceve gli ospiti; -Può fare, con il genero, il secondo ballo. I genitori dello sposo

-Padre: gli spetta il ballo con la sposa subito dopo che, quest’ultima, ha aperto le danze con il marito. -Madre: lo sposo concederà un ballo alla madre al terzo giro di danza.

 

I testimoni

-Il testimone principale può tenere un discorso per rispondere allo sposo da parte di tutti gli altri invitati e testimoni.

 

Invitati

-Dovrebbero restare fino a quando gli sposi non vanno via;

-Possono andarsene prima solo se gli sposi hanno comunicato di voler lasciare la festa dopo gli invitati.

Taggato con: , , , , , , ,
Pubblicato in Varie